“Parlarne tra amici” di Sally Rooney

Se fin da bambino ti hanno insegnato ad amare le persone che ti fanno del male, sicuramente quando cresci sarai portato a cercare quello che pensi sia per te l’amore. Quello che il tuo corpo ha imparato a percepire come amore.

Frances è la protagonista del romanzo “Parlarne tra amici“, esordio della giovane talentosa Sally Rooney. Ha ventuno anni, ancora non ha ben inteso se prova attrazione sessuale per gli uomini o per le donne, o per entrambi. Fatto sta che il suo ultimo amore è stato la sua attuale migliore amica, Bobbi. Frances scrive poesie e insieme a Bobbi le interpretano in vari locali di cultura.

Durante una di queste letture, Frances e Bobbie conoscono Melissa, una donna di trentacinque anni intenzionata a scrivere un articolo sulle due ragazze. Iniziano così la loro conoscenza e i vari incontri tenuti a casa di Melissa, dove viene presentato il quarto personaggio, il marito di lei: Nick.

Frances non ispira troppa simpatia al lettore. Si reputa intelligente, è comunista, bisessuale, va a concerti di cantanti indie, scrive poesie; oggi diremmo che è una radical chic. E’ giovanissima e per questo investita da tutto quello che comporta la giovane età: difficoltà ad accettare il proprio corpo, indecisioni, paura del futuro, sperimentazione. Si infatua di Nick, bello, poco più che trentenne, attore, ma – soprattutto – sposato. A un festa, in casa sua e di Melissa, lo bacia, noncurante appunto della presenza di lei. Inizieranno ad essere amanti, all’insaputa di Melissa e Bobbi.

Bobbi è una figura importante, decisiva. E’ onnipresente nel libro, ma la si conosce poco, viene raccontato poco di lei, ma è proprio quello a pesare. Capiamo la sua rilevanza dai comportamenti di Frances, dalle volte che la nomina, dalla gelosia e dai suoi pensieri, quasi ossessivi.

Melissa è poco più grande di suo marito Nick. Lo ha tradito più volte, soprattutto durante il periodo di depressione di lui. E’ scaltra e a pelle “odia” Frances, forse perché sospetta di lei, o forse perché è uguale a lei. Però ha una grande stima di Bobbi e la coinvolge in qualsiasi cosa. Nick, al contrario, se inizialmente sembra essere padrone di sé, poi emerge tutta la sua fragilità e passività.

Sullo sfondo, come personaggi secondari, ci sono il padre alcolizzato di Frances, mai lucido, mai affidabile, mai presente, e la madre, religiosa con un vangelo e la Bibbia a portata di mano e che in continuazione ripete alla figlia che deve voler bene a suo padre, deve amarlo. Perché è suo padre!, nonostante tutto. Frances non gli ha mai voluto bene.

Sally Rooney ha scritto un libro sulla generazione dei millenial, dove si tradisce con Whatsapp e si incontrano persone tramite l’app Tinder, dove è più semplice dar retta ai capricci dell’ “amore”. La scrittura è bella, fluida, ipnotica e i dialoghi brillanti, mai scontati, mai finti. Oltre alla superficie della trama, immergendoci, troviamo significati più profondi, mille sfumature, tante dinamiche, che non sempre sono facili da intuire. I personaggi sono complessi e caratterizzati molto bene, sembrano reali ed è faticoso abbandonarli. Emerge una grandissima verità:

Prima di capire certe cose le devi vivere. Non puoi sempre assumere una posizione analitica.

Io non riuscivo a staccare gli occhi dalle pagine. L’ho divorato.

Total
0
Shares
Comments 2
  1. Beh complimenti… una bella confusione di gente confusa 😂😂😂
    Recensione molto bella! Chiara ed esaustiva. Senza dire troppo mi hai incuriosita. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Prev
“Il Sussurro del Mondo” di Richard Powers

“Il Sussurro del Mondo” di Richard Powers

Nessuno vede gli alberi

Next
“Il naufragio della baleniera Essex” di Owen Chase

“Il naufragio della baleniera Essex” di Owen Chase

Vorrei avere una stanza vista Oceano